SEI IN > VIVERE BARLETTA > CRONACA
articolo

Controlli della guardia di finanza, sequestrati 50 mila prodotti contraffatti

2' di lettura
18

I finanzieri del Comando Provinciale di Barletta, nell’ambito di interventi eseguiti presso vari esercizi commerciali, hanno sequestrato 50.000 prodotti tra capi di abbigliamento contraffatti e altri oggetti privi dei requisiti di sicurezza e potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori.

Le attività fanno seguito al sequestro di un opificio di Barletta eseguito nelle scorse settimane dove venivano lavorati ed assemblati diverse migliaia di articoli contraffatti. Le Fiamme Gialle della Compagnia di Trani hanno sequestrato oltre 17.000 capi di vestiario contraffatti, tra cui felpe, t-shirt e pantaloni che riproducevano illegittimamente la foggia ed i segni distintivi di noti brand, particolarmente utilizzati dai giovani. In un caso, nel retro di un negozio, sono state rinvenute e sequestrate una pressa per lo stampaggio a caldo delle scritte riconducibili ai marchi registrati e una macchina “tagliacuci” per il confezionamento dei capi. I sequestri, effettuati d’iniziativa dai finanzieri, sono stat convalidati dalla Procura di Trani.

Altri 33.000 prodotti di vario genere sono stati sequestrati dai militari del Gruppo di Barletta in quanto privi delle certificazioni di conformità agli standard di sicurezza previsti dalla normativa europea e nazionale, necessarie ad ottenere il marchio “CE”, attestante che il prodotto rispetta i requisiti previsti dall'UE in materia di sicurezza, salute e tutela dell'ambiente. Tra la merce sequestrata, oltre ad oggetti di pelletteria, giocattoli, accessori per cellulari e materiale elettrico di vario genere, figurano cosmetici ed articoli per l’igiene personale, spesso venduti a prezzi contenuti in quanto prodotti con materiali potenzialmente dannosi per la salute, quali silicone, conservanti artificiali, paraffina, oli minerali e solfati schiumogeni.

Otto sono i responsabili individuati e segnalati alle competenti Autorità. Sono in corso da parte dei Finanzieri ulteriori approfondimenti di natura fiscale e patrimoniale al fine di sottoporre a tassazione i proventi derivanti dall’attività illecita.



Questo è un articolo pubblicato il 28-11-2023 alle 12:49 sul giornale del 29 novembre 2023 - 18 letture






qrcode